Emilia-Romagna, Riaprono i Fondi Energia e Starter

La Regione Emilia-Romagna ha definito nuove date per ottenere i finanziamenti dei Fondi rotativi Energia e Starter, i due strumenti finanziari che rientrano tra le azioni del Por Fesr 2014-2020 a sostegno della green economy e low carbon economy e dell’avvio di nuove imprese nel sistema produttivo.

Come accedere ai Fondi Energia e Starter

I due Fondi hanno una compartecipazione pubblica al 70% a tasso zero e privata, bancaria, al 30% a tassi convenzionati e agevolati, gestiti dalla Regione tramite la società Artigiancredito

Con il Fondo Energia sono finanziabili interventi di efficientamento energetico che hanno importi da un minimo di 25.000 a un massimo di 750.000 euro, con una durata compresa tra 36 e 96 mesi.

Il Fondo Energia è rivolto alle imprese e alle energy service company orientate verso lo sviluppo sostenibile, per interventi di miglioramento dell’efficienza energetica e autoproduzione di energia da fonti rinnovabili.

Il Fondo Starter sostiene le nuove imprese finanziando interventi con importi da un minimo di 20.000 fino a un massimo di 300.000 euro, per progetti di durata compresa tra 36 e 96 mesi. È possibile richiedere anche un contributo a fondo perduto sul progetto presentato per sostenere l’avvio di imprese situate nei Comuni sede di estrazione di idrocarburi.

Il Fondo Starter favorisce la nascita di nuove imprese e sostiene la crescita di quelle con un massimo di 5 anni di attività, finanziando progetti di innovazione produttiva e di servizio, messa a punto dei prodotti e soluzioni che presentino potenzialità concrete di sviluppo.

Presentazione domande

Le domande per finanziamenti a sostegno della green economy e delle nuove imprese possono essere inviate da mercoledì 30 marzo 2022 fino a lunedì 23 maggio 2022.

Per le domande di entrambi i Fondi è disponibile il modulo di compilazione sui siti del gestore:


Sito internet: Regione Emilia-Romagna

Documentazione

Condividi su:
Torna su