Giurisprudenza

Tar, ordine rimozione rifiuti e individuazione soggetto responsabile

Il Tar Campania, con la sentenza n. 851/2024, si è pronunciato sulla fattispecie di abbandono di rifiuti in relazione all’ordine di rimozione, ex art. 192 dlgs 152/2006, e individuazione del soggetto responsabile a cui deve essere rivolto. L’ordine di rimozione e trattamento impartito dal sindaco ex art. 192 del d.lgs. n. 152/2006 deve essere rivolto […]

Tar, ordine rimozione rifiuti e individuazione soggetto responsabile Leggi tutto »

Cassazione penale, reflui stoccati in attesa di smaltimento

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 6832/2024, ha affermato che i reflui stoccati in attesa di successivo smaltimento sono da considerarsi rifiuti liquidi di acque reflue. I reflui stoccati in attesa di successivo smaltimento, come i liquami contenuti in pozzi neri, vasche Imhoff e bagni mobili, sono da considerarsi rifiuti liquidi di acque

Cassazione penale, reflui stoccati in attesa di smaltimento Leggi tutto »

Cassazione penale, rumore in ambito condominiale

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 2071/2024, si è pronunciata sulla fattispecie di reato “disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone“, ex art. 659 c.p., in ambito condominiale. Il bene giuridico tutelato dalla contravvenzione di cui all’art. 659 c.p. è costituito, come emerge dallo stesso nomen della rubrica, dallo svolgimento delle attività

Cassazione penale, rumore in ambito condominiale Leggi tutto »

Cassazione penale, acque meteoriche di dilavamento

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 688/2024, si è pronunciata in merito alle acque meteoriche di dilavamento venute in contatto con sostanze inquinanti o pericolose. Nel caso in cui le acque meteoriche di dilavamento vengano in contatto con sostanze inquinanti o pericolose, divenendo il mezzo attraverso cui le altre sostanze vengono veicolate verso

Cassazione penale, acque meteoriche di dilavamento Leggi tutto »

Cassazione civile, tenuta registro carico e scarico rifiuti

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 33993/2023, si è pronunciata sul luogo di tenuta del registro di carico e scarico rifiuti. I registri sono tenuti presso ogni impianto di produzione (di stoccaggio, di recupero e di smaltimento di rifiuti) (comma 10 dell’art. 190 dlgs 152/2006). Per giurisprudenza consolidata, in tema di sanzioni amministrative relative

Cassazione civile, tenuta registro carico e scarico rifiuti Leggi tutto »

Ilva, conclusioni avvocato generale Ue

L’avvocato generale Ue si è pronunciato sull’acciaieria Ilva (causa C-626/22) in merito all’interpretazione delle condizioni generali di autorizzazione, ai sensi della direttiva IPPC (direttiva 2010/75/UE) relativa alle emissioni industriali. Le conclusioni seguono la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dal Tribunale di Milano per stabilire quale rilevanza abbiano talune informazioni relative all’impatto dell’acciaieria sulla salute umana e

Ilva, conclusioni avvocato generale Ue Leggi tutto »

Cassazione penale, scarti di origine animale

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 47690/2023, si è pronunciata sugli scarti di origine animale affermando che sono sottratti alla disciplina dei rifiuti e soggetti esclusivamente al Regolamento CE n. 1774/2002 solo se qualificabili come sottoprodotti, ex articolo 184-bis, Dlgs 152/2006. Gli scarti di origine animale sono sottratti all’applicazione della normativa in materia di rifiuti, e soggetti esclusivamente al

Cassazione penale, scarti di origine animale Leggi tutto »

Cassazione penale, superamento limiti scarico e guasti tecnici

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 46689/2023, si è pronunciata sulla fattispecie di superamento dei limiti di scarico delle acque reflue per cause eccezionali e imprevedibili affermando che non sussistono nel caso di guasti tecnici dell’impianto. In materia di inquinamento idrico, l’eccezionalità e l’imprevedibilità del superamento dei limiti di scarico delle acque reflue

Cassazione penale, superamento limiti scarico e guasti tecnici Leggi tutto »

Cassazione civile, Fir incompleto e competenza sanzioni

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 32318/2023, si è pronunciata sulla competenza territoriale ad emettere ordinanza-ingiunzione di pagamento in relazione alla fattispecie di trasporto rifiuti con formulario di identificazione (Fir) incompleto. La competenza ad irrogare le sanzioni amministrative pecuniarie, in quanto previste dalla parte quarta del decreto, è la Provincia nel cui territorio è

Cassazione civile, Fir incompleto e competenza sanzioni Leggi tutto »

Cassazione penale, trasporto illecito di rifiuti

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 44014/2023, si è pronunciata sulla non occasionalità della condotta nella fattispecie di trasporto illecito di rifiuti. In particolare, la Cassazione ha stabilito che: “Il carattere non occasionale della condotta di trasporto illecito di rifiuti può essere desunto anche da indici sintomatici, quali la provenienza del rifiuto da una attività

Cassazione penale, trasporto illecito di rifiuti Leggi tutto »

Torna in alto