Parità di genere, certificati per agevolazioni e incentivi

Solo i certificati di conformità alla prassi di riferimento UNI/PdR 125:2022 sulla parità di genere rilasciati da Organismi accreditati da Accredia consentono alle imprese di accedere alle agevolazioni fiscali, premialità nei bandi di gara e agli incentivi previsti nel PNRR pari a 10 milioni di euro.

Infatti sono i certificati sotto accreditamento, che riportano il Marchio UNI ed il logo dell’Ente nazionale di accreditamento (per l’Italia è Accredia), insieme al nome dell’organismo accreditato, che consentono alle imprese di accedere ai benefici fiscali previsti dalle leggi in materia, perché sono gli unici riconosciuti dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 29 aprile scorso.

Fondamentale diventa quindi per le aziende verificare con attenzione che l’organismo di certificazione sia accreditato, in base al Regolamento UE 765/2008, per certificare secondo la UNI PdR 125:2022.

Sul certificato basterà controllare che ci sia il Marchio UNI e il logo dell’Ente di accreditamento.

Nel mercato infatti sono apparsi diversi certificati emessi da organismi non accreditati, che – pur testimoniando l’attenzione alle politiche sulla parità di genere – non consentono di accedere né alle agevolazioni fiscali né alle premialità nei bandi di gara previsti dalla legge.

La certificazione del sistema di gestione per la parità di genere è volontaria ma deve seguire precise regole che ne garantiscono la validità.

In Italia al momento ci sono già 6 organismi di certificazione accreditati da Accredia e più di venti hanno fatto domanda.

Per le aziende che intendono farsi certificare sono previsti nel PNRR incentivi pari a 10 milioni di euro stanziati da parte del Governo.

L’accreditamento garantisce che le certificazioni siano rilasciate da organismi competenti e imparziali e che abbiano loro stessi adottato un sistema di gestione conforme alla prassi di riferimento UNI/PdR 125:2022. Tali verifiche sono condotte da Accredia sia per il rilascio dell’accreditamento sia per la verifica periodica del mantenimento dei requisiti previsti.

Il Marchio UNI garantisce che lo schema di certificazione sia basato su un documento normativo e che rispetti i valori della normazione tecnica: coerenza, trasparenza, apertura, consensualità, volontarietà, indipendenza, efficienza.

Per facilitare l’applicazione della UNI/PdR 125:2022 e garantire un approccio uniforme da parte degli organismi di certificazione, UNI e Accredia hanno pubblicato un documento di FAQ liberamente scaricabile online dai rispettivi siti.


Siti internet: UNI – Accredia

Condividi su:
Torna su