MiTE, Bando progetti tecnologie recupero, riciclaggio e trattamento RAEE

Il Ministero della Transizione Ecologica ha pubblicato il Bando per il cofinanziamento di progetti di ricerca finalizzati allo sviluppo di nuove tecnologie per il recupero, il riciclaggio ed il trattamento dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) Edizione 2021.

Finalità del Bando
Il Bando cofinanzia progetti di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale finalizzati allo sviluppo di nuove tecnologie per il recupero, il riciclaggio ed il trattamento dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE).

Obiettivo dell’iniziativa è la prevenzione e la riduzione degli impatti negativi derivanti dalla produzione e gestione dei RAEE, attraverso l’incentivazione di un uso efficiente ed ecocompatibile delle risorse (materie prime), con particolare attenzione al recupero, al riciclaggio ed alla ottimizzazione del ciclo di vita dei materiali.

Iniziative progettuali cofinanziabili

Le iniziative progettuali per le quali è possibile richiedere il cofinanziamento, comprendono attività di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale, finalizzate allo sviluppo di nuove tecnologie per il recupero, il riciclaggio ed il trattamento dei RAEE e sono finalizzate al raggiungimento degli obiettivi comunitari di cui alla Direttiva 2012/19/UE del 4 luglio 2012 sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, così come modificata dalla Direttiva 2018/849/UE del 30 maggio 2018. Tali iniziative devono offrire la migliore soluzione sotto il profilo tecnico, economico ed ambientale e favorire la gestione dei rifiuti secondo le attività poste ai livelli più alti della gerarchia di cui all’articolo 179, comma 1, del D.lgs. n. 152 del 2006.

Risorse finanziarie disponibili

Per l’attuazione delle iniziative progettuali oggetto di cofinanziamento si utilizzano le risorse previste dal “Fondo per la promozione di interventi di riduzione e prevenzione della produzione di rifiuti e per lo sviluppo di nuove tecnologie di riciclaggio”. Le risorse destinate al Bando ammontano a complessivi 2 milioni di euro.

Termini per la realizzazione dei progetti

La durata dei progetti non deve essere inferiore a 12 mesi e superiore a 24 mesi. Nel caso in cui il progetto preveda la realizzazione di prototipi la durata
massima potrà essere di 36 mesi.

Soggetti ammessi a partecipare

Sono ammessi a partecipare al Bando “Enti e istituzioni di ricerca” e “Università e istituti di istruzione universitaria pubblici” inclusi nell’elenco delle Amministrazioni pubbliche.

Limite massimo del cofinanziamento e spese ammissibili

Il cofinanziamento previsto dal Bando assume la forma del contributo a fondo perduto ed è assegnato, per ciascuna delle iniziative progettuali ammesse a cofinanziamento, in misura non inferiore ad 100 mila e non superiore ad 300 mila euro comprensivo di ogni onere.
La percentuale massima di contributo che può essere concessa per ciascuna iniziativa progettuale ammessa a cofinanziamento è pari al 50% delle spese ammissibili, tra cui rientrano le spese di consulenza ed equivalenti utilizzati esclusivamente ai fini del progetto, compresi i servizi di consulenza tecnico-scientifica per l’effettivo sviluppo dell’iniziativa e per la definizione e messa a punto degli interventi previsti, di valutazione dell’impatto
potenziale degli stessi, di ricerca, di esperti della materia, ecc…

Modalità e termini per la presentazione delle istanze
Le istanze di partecipazione devono essere presentate esclusivamente attraverso la procedura informatica che sarà resa disponibile al seguente link
https://padigitale.invitalia.it, secondo le modalità e le indicazioni fornite nell’ambito della procedura che sarà pubblicata.


Sito internet: Ministero della Transizione Ecologica

Condividi su:
Torna su