Nuovi fondi per Sabatini, sostenibilità e imprese creative

Con la Legge di Bilancio e il decreto milleproroghe sono state approvate misure per le imprese (fondi per la nuova Sabatini, sostenibilità e imprese creative) di competenza del Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT). 

Vediamo le misure approvate ed i fondi previsti:

Nuova Sabatini

La Nuova Sabatini viene rifinanziata con 30 milioni per il 2023 e 40 milioni per ciascuno degli anni dal 2024 al 2026.

La misura è l’agevolazione che sostiene gli investimenti per acquistare o acquisire in leasing macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali ad uso produttivo e hardware, nonché software e tecnologie digitali (art. 74 ter).

Sostenibilità ambientale

Per le misure di politica industriale relative alla sostenibilità ambientale dei processi produttivi sarà destinata una parte dei proventi delle aste delle quote di emissioni di CO2, per un limite di 500 milioni di euro annui.

Tali misure di politica industriale sono individuate attraverso deliberazioni del Comitato Interministeriale per la transizione ecologica – CITE (art. 128 bis).

Imprese culturali e creative

Il Fondo per le imprese culturali e creative è incrementato di 3 milioni di euro per il 2023 e 5 milioni a decorrere dal 2024.

Il Fondo, istituito dalla legge di bilancio per il 2021, promuove la nuova imprenditorialità e lo sviluppo di imprese del settore creativo, attraverso contributi a fondo perduto, finanziamenti agevolati e loro combinazioni (art. 108 bis).

Transizione 4.0 e infrastrutture ricarica

Anche nel decreto milleproroghe, approvato dal CdM del 21 dicembre 2022, sono contenute alcune norme di competenza del MIMIT.

Su Transizione 4.0 il termine per la consegna dei beni strumentali materiali nell’ambito della disciplina del credito d’imposta viene prorogato al 31 dicembre 2023.

Per quanto riguarda l’installazione di colonnine di ricarica sono stati autorizzati gli acquisti delle infrastrutture di ricarica oltre il 31 dicembre 2022, nei limiti delle risorse per la misura individuate dai due DPCM nel 2022.


Sito internet: Ministero delle Imprese e del Made in Italy

Condividi su:
Scroll to Top