Cassazione penale, manomissione del cronotachigrafo

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 40187/2022, si è pronunciata sulla fattispecie di manomissione del cronotachigrafo di bordo di un mezzo di trasporto.

Il datore di lavoro che imponga l’alterazione di un apparecchio avente finalita’ di prevenzione degli infortuni, risponde del reato di cui all’articolo 437 c.p., atteso che tale condotta rientra nella previsione tipica della “rimozione”: perche’ per rimozione puo’ intendersi anche l’attivita’ diretta a frustrare il funzionamento dell’apparecchio.

Sicche’ la punibilita’ ex articolo 437 c.p. deriva dalla semplice attivita’ di rimozione e prescinde, come nel caso in esame, dal fatto che il soggetto agente circoli o meno su strada con il mezzo di trasporto.

Nel caso di specie, il ricorrente, nella qualita’ di titolare di piu’ societa’ di cui era amministratore, aveva utilizzato specifici accorgimenti (magneti) per impedire il corretto funzionamento del disco cronotachigrafo di bordo, cosi’ impedendo la registrazione della velocita’ dei veicoli, dei tempi di guida e sosta.

In sostanza consentiva ai dipendenti la guida degli articolati per un numero di ore superiore a quello di legge, determinando, peraltro, un’incidenza della condotta sui periodi di riposo dei conducenti dei veicoli e, quindi, secondo i giudici di merito, determinando maggior rischio di causare incidenti, a danno della propria incolumita’ e della sicurezza pubblica.


Condividi su:
Torna su