Studio Brancaleone




SERVIZI OFFERTI - contattaci Richiedi un preventivo on-line o contattaci per informazioni

Servizi legali

servizi legali Assistenza giudiziale e stragiudiziale in materia ambientale

Consulenza normativa

consulenza certificazioni Consulenza giuridica ambiente e sicurezza, Audit di conformità

Consulenza certificazioni

consulenza normativa Consulenza Sistemi di gestione e Certificazioni di prodotto

Servizi on-line

consulenza certificazioni Pareri giuridici on-line, Servizio di aggiornamento normativo



AREE TEMATICHE

Selezione della principale normativa Nazionale/Comunitaria in materia ambientale

 

Acque > Acque destinate al consumo umano

Decreto Legislativo 2 febbraio 2001, n. 31
Attuazione della direttiva 98/83/CE relativa alla qualità delle acque destinate al consumo umano.
Il decreto disciplina la qualità delle acque destinate al consumo umano, ovvero le acque trattate o non trattate, destinate ad uso potabile, per la preparazione di cibi e bevande, o per altri usi domestici e le acque utilizzate nelle imprese alimentari per la fabbricazione, il trattamento, la conservazione o l'immissione sul mercato di prodotti o di sostanze destinate al consumo umano.
Testo coordinato da ultimo con: DECRETO 14 giugno 2017, (in G.U. 18/08/2017, n.192), che ha disposto (con l'art. 1, comma 1) la modifica dell'Allegato II e dell'Allegato III 

Decreto Ministeriale 6 aprile 2004 n. 174
Regolamento concernente i materiali e gli oggetti che possono essere utilizzati negli impianti fissi di captazione, trattamento, adduzione e distribuzione delle acque destinate al consumo umano.
Il decreto definisce le condizioni alle quali devono rispondere i materiali e gli oggetti utilizzati negli impianti fissi di captazione, di trattamento, di adduzione e di distribuzione delle acque destinate al consumo umano. Le disposizioni si applicano ai materiali degli impianti nuovi e a quelli utilizzati per sostituzioni nelle riparazioni.

Accordo (naz.) 12 dicembre 2002
Linee guida per la tutela della qualità delle acque destinate al consumo umano e criteri generali per l'individuazione delle aree di salvaguardia delle risorse idriche di cui all'art. 21 del decreto legislativo 11 maggio 1999, n. 152.

Decreto Ministeriale 26 marzo 1991
Norme tecniche di prima attuazione del D.P.R. 24 maggio 1988, n. 236, relativo all'attuazione della direttiva CEE n. 80/778 concernente la qualità delle acque destinate al consumo umano, ai sensi dell'art. 15 della L. 16 aprile 1987, n. 183.
Il decreto fornisce indicazioni tra l'altro sulle attività di controllo sulle acque, mappatura degli impianti di acquedotto, controlli sanitari, giudizio di qualità e di idoneità d'uso, approvvigionamento idrico d'emergenza.

Regio Decreto 19 ottobre 1930, n. 1398
Approvazione del testo definitivo del Codice penale
Si riportano gli artt. 439 e 440

 

Direttiva Unione Europea 6 ottobre 2015, n. 1787
Direttiva (UE) 2015/1787 della Commissione, del 6 ottobre 2015, "recante modifica degli allegati II e III della direttiva 98/83/CE del Consiglio concernente la qualità delle acque destinate al consumo umano ”.
08-10-2015 Acque destinate al consumo umano, aggiornata la direttiva 98/83/CE su controlli e analisi

Direttiva Comunità Europea 3 novembre 1998, n. 83
Direttiva del Consiglio concernente la qualità delle acque destinate al consumo umano.

 
Newsletter
ISCRIVITI
gratuitamente per
ricevere le novità
pubblicate nel sito
StudioBrancaleone.it

Approfondimenti